Consigli multitavolo

Andare in basso

Consigli multitavolo

Messaggio  Admin il Gio Ott 02, 2008 1:07 pm

I tornei multi-tavolo possono essere frustranti. A volte giochi per 4 ore di seguito, solo per finire appena fuori dalle posizioni a premi. E quando finalmente riesci a superare la bolla, i bui grossi corrodono il tuo stack e finisci per vincere indietro solo il tuo buy-in.

Oggi vi darò 10 consigli che spero vi porteranno ad un passo più vicino dal tavolo finale.

1. Scegli i tuoi momenti attentamente
Non chiamare gli all-in con mani come AJ suited o KQ. Se un giocatore in early position con più chips delle tue va all-in, semplicemente folda le mani come AQ o 55. Ti si presenteranno delle situazioni migliori senza che tu debba mettere a repentaglio subito tutto il tuo torneo.

2. Guardati i flop con le mani a progetto
Se finisci per andare all-in ogni 5 mani, ti ci vorrà molto per raggiungere un tavolo finale. Rilancia le tue mani forti, ma non mettere direttamente il tuo intero stack oltre la linea. Mani come AK sono potenti, ma se non centri il flop puoi perdere contro una coppia di due. Cerca di essere più cauto e limitati a rilanciare per vedere il flop. Se appare un K, punta il piatto. Se il tuo avversario fa fold, accontentati di quello che hai vinto. A volte due mani di questo tipo possono essere tanto profittevoli quanto un double up, ma con molto meno rischio.

3. Guardati i flop con le coppie
La tentazione di chiamare un all-in 3-way con un paio di donne è grande, e personalmente le vorrei in una situazione come questa, per le ragioni spiegate al punto #1. Tuttavia la probabilità che QQ sia una mano abbastanza buona per battere altri 3 giocatori è relativamente piccola. Una mano come QQ dovrebbe certamente essere rilanciata pre-flop, ma fai attenzione ad ogni A o K che appare sul board, in quanto è facile che uno dei tuoi avversari abbia trovato un aiuto.

Alcuni potrebbero definire ciò weak-tight, ma non lasciare che queste persone ti influenzino. Che senso ha farsi eliminare solo perchè avevi una coppia?

4. Gioca contro il tavolo, non contro il chipleader
Ecco un consiglio davvero utile: lascia perdere la lobby. Non sei seduto al tavolo con altri 1100 giocatori. Non hai controllo sul chipleader. L'unica cosa che puoi fare è giocare contro gli 8 giocatori al tuo tavolo. Perciò, non ha assolutamente senso controllare continuamente quanto lontano sei dai primi 10, perchè non fa alcuna differenza. Puoi anche essere short stack ma vincere comunque il torneo due ore dopo.

Capita spesso che i giocatori si rendono conto di essere lontani dalla cima della classifica e iniziano ad aggiustare il loro stile gioco prendendo più rischi. State lontani dalla lobby quindi.

5. Non fare limp con mani problematiche
KJ suited sembra buona, ma folda questa mano in middle position. Troppo spesso i giocatori fanno limp con mani problematiche. L'unica cosa che vuoi vedere con mani come KJ suited sono scale e colori floppati. Risparmia le tue chips e gioca (rilancia) queste mani dal bottone nel caso in cui prima ci siano stati solo dei fold. Questo vale anche per TJ, KT, AT ecc.

6. Non disperarti
Certamente è fastidioso rimanere solo con 10xBB, ma la pazienza è una virtù. Continua a giocare le mani buone e non iniziare a giocare a kamikaze poker andando all-in da middle position con QJ. Due mani dopo potresti ricevere AK. Continua ad aspettare e sfrutta la tua posizione, oppure vai all-in per lo meno con una coppia o con un asso forte. Sarebbe un peccato sprecare così tante ore spese a giocare solo per venire eliminati con KQ.

7. Prevedi le mosse del tuo avversario
Sei shortstack e ti trovi sul bottone e vale la pena rubare i bui. Tuttavia, il big blind è il chipleader ed è estremamente loose. Ricevi J-5. In questa situazione io farei fold perchè sai che il big blind ti chiamerà e tutto quello di cui ha bisogno per batterti è una Q. Aspetta una situazione migliore. I bui ti hanno appena superato, quindi hai un'intera orbita per poter rischiare con una mano con più potenziale.

8. Controrilancia con le mani forti
Un flat call potrebbe essere una mossa profittevole, ma generalmente quello che vuoi fare è ingrossare il piatto e raccogliere informazioni. Se per esempio ricevi AA, controrilancia. Ciò creerà un piatto per cui i tuoi avversari vorranno lottare, e nel frattempo prendi l'iniziativa nella mano. Se tu ti limiti a chiamare un rilancio e l'avversario manca il flop, tutto quello che vinci è un piccolo piatto. Se hai una mano come JJ, allora un controrilancio ti darà qualche informazione in più. Se l'avversario controrilancia ancora, allora c'è una buona possibilità che tu abbia di fronte una overpair. Rilanciare è bene, chiamare è male.

9. Lascia fuori il tuo ego
Se perdi con AK contro A7 perdendo metà del tuo stack, non andare a caccia di vendetta giocando mani speculative contro questo avversario. Non vincerai indietro i tuoi soldi prendendo più rischi. Scrollati subito via la cosa e continua a prendere le giuste decisioni. L'ego è il carburante del tilt.

10. Prenditi cura di te stesso
Questo in realtà dovrebbe essere il primo consiglio. Assicurati di essere sempre fresco e concentrato. Se sei stanco dopo una dura giornata di lavoro e puoi a mala pena tenere gli occhi aperti, stai lontano dai tornei MTT. Puoi vincere un torneo solo con una mente lucida.
avatar
Admin
Admin

Messaggi : 135
Data d'iscrizione : 01.10.08
Età : 33
Località : Roma

Visualizza il profilo http://pokerclub.forum.st

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum